24 dicembre 2008

A ARSÈNE HOUSSAYE 

Charles Baudelaire


VI • A CIASCUNO LA SUA CHIMERA

             Sotto un gran cielo grigio, in una grande pianura polverosa, senza strade, senza erba, senza un cardo, senza un'ortica, incontrai degli uomini che camminavano curvi.

            Ognuno portava sulla schiena un'enorme Chimera, pesante come un sacco di farina o di carbone, o come l'equipaggiamento di un fante romano.

            Ma la bestia mostruosa non era un peso inerte; avviluppava l'uomo con i suoi muscoli elastici e possenti; si aggrappava con gli artigli delle larghe zampe al petto della sua cavalcatura; e la sua testa fantastica sormontava la fronte dell'uomo come uno di quegli orribili elmi con i quali gli antichi guerrieri speravano di incutere terrore al nemico.

            Mi rivolsi ad uno di questi uomini, e gli chiesi dove andavano in quel modo. Mi rispose che non ne sapeva niente, né lui né gli altri, ma che evidentemente andavano da qualche parte, perché si sentivano spinti da un invincibile bisogno di camminare.

            Cosa strana, nessuno di questi viaggiatori sembrava avercela contro la bestia feroce che teneva attaccata al collo, incollata alla schiena; si sarebbe detto che la considerasse una parte di sé. Tutti quei visi affaticati e seri non davano nessun segno di disperazione; sotto la cupola splenetica del cielo, i piedi affondati nella polvere di un suolo non meno desolato di quel cielo, camminavano con l'espressione rassegnata di chi è condannato a sperare sempre.

            Il corteo mi passò a fianco e scomparve all'orizzonte, nella foschia, dove la superficie curva del pianeta si sottrae alla curiosità dello sguardo umano.

            Ancora per qualche istante mi ostinai a voler capire questo mistero; ma ben presto l'irresistibile Indifferenza si abbatté su di me, e fui oppresso dal suo peso più di quanto fossero loro stessi da quelle schiaccianti Chimere.

 

 

Nessun commento:

ROMA Meditazione orale

Loading...

Martin Luther King dream and dead

Loading...

elogio della schiavitù

Loading...

LORCA by COHEN refrain

Loading...

MERAVIGLIA !

Loading...

ISHTAR

Loading...

Peter WEISS

Loading...

MILENA JESENSKA' E FRANZ KAFKA

Loading...

DANTE GABRIEL ROSSETTI

Loading...

ALSO SPRACH ZARATHUSTRA

Loading...

Dylan Thomas

Loading...

Albrecht Durer

Loading...

PICASSO

Loading...

ALVARO DE CAMPOS - PESSOA

Loading...